il Blog delle nuvole

Home » Curiosità » Le straordinarie avventure di Pecos Bill parte !: le origini delle origini

Le straordinarie avventure di Pecos Bill parte !: le origini delle origini

Categorie

Disclaimer

Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autore e senza citarne la fonte. Le immagini utilizzate e le fonti appartengono ai rispettivi autori citati ogni qual volta sia possibile.
Inizia con questo post una serie di articoli dedicata ad un eroe dei fumetti dell’immediato Dopoguerra, famoso ed amato da due generazioni di italiani: Pecos Bill.
L’eroe non violento (nel senso che non usa mai le pistole) occupa un posto di rilievo nella tradizione fumettistica italiana, stante il numero di appassionati che ancora oggi lo venera e legge.
In questa puntata, però, inizieremo dall’inizio, come in tutte le storie che si rispettano, ovvero dalle origini dell’eroe, quelle vere (si fa per dire), che si perdono nel folklore statunitense, al crocevia fra la leggenda e la narrazione popolareggiante…

Pecos Bill è un personaggio dell’immaginario statunitense.
Come molti dei suoi colleghi a stelle e strisce, ad esempio Paul Bunyan o John Appleseed, è oggetto di numerose leggende e tradizioni che lo collegano alla frontiera, a quel Far West che degli States rappresenta l’unico, vero mito di fondazione.
La sua presunta “storia” è ambientata nella fase della cosiddetta espansione territoriale verso occidente attraverso il sud-ovest di Texas, Nuovo Messico e Arizona. In realtà, è molto probabile che tutte le sue storie siano state inventate dallo scrittore statunitense Edward O’Reilly, che le mise su carta a partire dal 1916, per cui possono essere a giusta ragione considerate un esempio del cosiddetto fakelore (da “fake”, falso, + folklore), vale a dire quei materiali di invenzione presentati in modo da essere avvolti da un’aura pseudo-folclorica per farli sembrare narrazioni tradizionali.
Le prime storie sono state pubblicate nel 1916 da Edward O’Reilly sulla rivista “The Century Magazine” e raccolti nel 1923 nel libro “The saga of Pecos Bill”.
Il folklorista americano Richard M. Dorson in seguito scoprì che O’Reilly aveva inventato le storie spacciandole per folklore e che gli altri scrittori che avevano narrato le gesta del cowboy o avevano preso in prestito storie da O’Reilly o avevano aggiunte ulteriori avventure di propria invenzione. Una delle versioni più note delle storie di Pecos Bill è di James Bowman Cloyd, dal titolo “Pecos Bill: The Greatest of All Time Cowboy” (1937). Il romanzo ha vinto il Newbery Honor nel 1938 ed è stato ripubblicato nel 2007.
Le caratteristiche del personaggio sono improntate fin dalla prima apparizione al superlativo: è il più forte, il più abile ecc…. Famoso ed imbattibile domatore di cavalli, nella sua esistenza ha cavalcato anche un leone di montagna e addirittura un tornado in Kansas. Altrettanto leggendaria è la sua bravura nell’uso del lazo, anche se in realtà era solito usare come lazo un serpente a sonagli (rattlesnake in inglese) di nome Snake. A lui viene attribuita anche l’invenzione della sei colpi, della cattura col lazo degli animali (calf roping) e della successiva marcatura a fuoco (cattle branding). La sua origine ha del leggendario: nato intorno al 1830, figlio di una coppia molto prolifica (18 figli!), già dall’infanzia si dimostra eccezionale, tanto che ad un mese già parla e appena impara a sedere impara anche a cavalcare puledri. Durante la migrazione della famiglia, il piccolo Pecos cade dal retro del carro, ma la famiglia se ne accorge solo molto più tardi, quando la madre si ritrova una colazione non consumata (1 dozzina di uova!!!). Il bimbo invece cresce accudito, come nelle migliori leggende dai tempi di Romolo e Remo e Mosè, da un coyote e viene riconosciuto (anche l’agnizione, o riconoscimento, è parte del percorso formativo dell’eroe classico) dal fratello quando i due si incontrano per caso avendo Pecos compiuto 16 anni.
Da qui in poi, la leggenda prosegue decantando le sue numerose quanto improbabili imprese. Pecos ha una relazione con Slue-Foot Sue, una cowgirl altrettanto originale, usa a cavalcare un gigantesco pesce gatto lungo il Rio Grande. Il suo cavallo, chiamato Widow-Maker (creatore di vedove, perché ritenuto indomabile) o Lightning (lampeggiante), non si fa cavalcare da nessun uomo eccetto Pecos, che, in alcune sue avventure, cavalca invece un feroce e fedelissimo leone di montagna.
La storia del fidanzamento di Pecos e Sue è anch’essa all’insegna dell’eccesso e della auto-parodia. Infatti, dopo averla corteggiata sparando a tutte le stelle del cielo tranne una (the lone star, la stella solitaria, come viene anche chiamato il Texas), finalmente i due si sposano ma Widowmaker, incapace di accettare di dividere Pecos con chiunque, la fa cadere. La donna, sbatte per terra e rimbalza, sempre più in alto fino ad arrivare sulla Luna!
Poteva un personaggio del genere non colpire l’immaginario collettivo della nascente superpotenza mondiale? Ovviamente no. Così, rapidamente, all’eroe del West che amava il rodeo e il lazo vengono dedicati romanzi, ma anche sceneggiati radiofonici, fumetti e persino un serial modello il Flash Gordon di Buster Crabbe e un film animato, nel cartone Disney Melody Time (1948).
Nel film live action Disney del 1995, invece, dal titolo Tall Tale: The Unbelievable Adventures of Pecos Bill, Pecos Bill, interpretato dal compianto Patrick Swayze, muore dal troppo ridere, come il mezzo gigante Margutte del Morgante di Luigi Pulci.

E con l’omaggio al simpatico compagno di mangiate pantagrueliche del Gigante Morgante si chiude questa prima puntata de Le straordinarie avventure di Pecos Bill. A presto per le nuove puntate, the same Pecos time, the same Pecos channel…

Sitografia:
http://en.wikipedia.org/wiki/Pecos_Bill
http://americanfolklore.net/folklore/2010/08/the_birth_of_pecos_bill.html
http://www.manythings.org/voa/stories/Pecos_Bill.html


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Lascia al tua email qui per seguirci

Segui assieme ad altri 23 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: