il Blog delle nuvole

Home » Curiosità » La falena che si bruciò presto

La falena che si bruciò presto

Categorie

Disclaimer

Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso dell'autore e senza citarne la fonte. Le immagini utilizzate e le fonti appartengono ai rispettivi autori citati ogni qual volta sia possibile.
The Moth  da Mystery Men Comics 9

The Moth da Mystery Men Comics 9

The Moth, ovvero la Falena è un supereroe che ha avuto una vita molto breve, solo quattro (brevi) avventure, per un totale di 23 tavole, comparse nelle pagine di Mystery Men Comics dal n. 9 al n. 12 editi dal Fox Feature Syndicate nel 1940. L’autore accreditato, almeno nelle storie 1 e 2, è un non meglio precisato Norton Kingsley, nome collettivo divenuto Norman Kingsley nel n. 4, mentre nel n. 3 i credits attribuiscono i testi ad un altro nome collettivo, Godfrey Clarke. I disegni sono invece di un non ancora famoso Jim Mooney (secondo Don Markstein, sarebbero stati proprio le tavole realizzate per The Moth a convincere la DC ad affidargli le matite del cavaliere oscuro).
The Moth da Mystery Men Comics 10

The Moth da Mystery Men Comics 10


Il personaggio non sembra avere un grande background, anzi, si potrebbe dire che è totalmente assente, così come latita anche l’approfondimento psicologico. Dell’eroe (non) mascherato non si sa neppure se ha effettivamente una identità segreta.Le quattro back stories non sono particolarmente originali e non hanno trame molto complesse. L’eroe, che cambia già costume nella seconda apparizione, sembra avere solo la capacità di volare, ma non se ne conosce l’origine.
Nella prima avventura, la Falena salva una fanciulla gettatasi da un palazzo a causa del rapimento della figlia, avvenuto nella culla. Riportando la donna a casa, la Falena individua una casa abbandonata stranamente illuminata e vi scopre la bimba rapit minacciatoa con un coltello da un tizio in camice, un “madman” che, dopo aver tentato di colpire col coltello l’eroe, fugge in auto. L’eroe, dopo aver liberato la bimba, insegue il folle facendo uscire di strada l’auto. Dopo aver catturato il folle rapitore, lo riporta indietro e lo obbliga a risvegliare la bimba ipnotizzata, il criminale però cerca di colpire di nuovo la Falena, ma colpisce invece il suo macchinario che fa saltare tutta la casa. L’esplosione, però, fa risvegliare la bimba, che la Falena restituisce alla madre e al padre, prima di allontanarsi in cielo. Nella seconda delle quattro storie, il costume viene cambiato senza spiegazione guadagnando due antennine sulla testa e ali da farfalla invece che da falena, ma perdendo il mantello. In questa storia, la Falena sconfigge misteriosi Re del Clima gettando una bomba nella loro base, misteriosamente individuata.Catturato, riesce a riprendersi e a distruggere i macchinari, lasciati ovviamente incustoditi, e distruggendo l’intera base.
Terza avventura e terzo cambio di costume, con ali ridotte e tondeggianti, colletto ma senza antennine. In questa storia, salva una vedova da due nipoti snaturati, dimostrando una certa attitudine alla violenza modello Callaghan o Punisher.
The Moth da Mystery Men Comics n. 11

The Moth da Mystery Men Comics n. 11


Nella quarta e ultima avventura, disegnata con tratto più incerto e caricaturale (e quasi certamente non da Mooney), il costume cambia di nuovo, ali di nuovo da falena, niente colletto e cappuccio simile a quello indossato nella prima avventura. Questa volta, l’eroe volante affronta uno scienziato pazzo che trapianta cervelli (tenterà di usare la Falena come cavia) e la sua banda. Questa volta, la propensione alla violenza non è affatto mitigata e l’eroe volante getta dallatorre del castello divenuto laboratorio il mad doctor affermando “never give a rat a chance”, mai dare ad un topo una possibilità. Questa, malgrado la didascalia in fondo all’ultima vignetta della storia, è l’ultima avventura dell’eroe falena.
The Moth da Mystery Men Comics 12

The Moth da Mystery Men Comics 12


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Lascia al tua email qui per seguirci

Segui assieme ad altri 23 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: